Cosa è?

Le “Aree Interne” sono costituite da quei Comuni significativamente distanti dai centri di offerta dei servizi essenziali, che hanno subito nel corso del tempo un processo di marginalizzazione e declino demografico e le cui potenzialità vanno recuperate e valorizzate con politiche integrate.

La Strategia Nazionale per le Aree Interne è stata avviata e governata dai Ministeri responsabili per il coordinamento dei fondi comunitari e per i tre servizi essenziali di cittadinanza (ISTRUZIONE, SALUTE E MOBILITÀ), d’intesa con le Regioni ed in cooperazione con ANCI e il coordinamento del Comitato tecnico Aree Interne. Essa rappresenta la migliore combinazione possibile di azioni per lo sviluppo locale e di rafforzamento dei servizi essenziali di cittadinanza da attuarsi attraverso risorse ordinarie e risorse a valere sul Fondo Sociale Europeo (FSE), sul Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR), sul Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR) per contrastare i processi di marginalizzazione e declino demografico delle “Aree Interne”.

La Regione Marche, terza regione a aderire alla Strategia Nazionale, ha individuato tre aree interne per un totale di 44 Comuni e 86.407 abitanti. Esse sono:

  • “Basso Appennino Pesarese e Anconetano”
  • “Alto Maceratese”
  • “Ascoli Piceno”

torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità