CORONAVIRUS – NUOVE DISPOSIZIONI IN MERITO ALL’APERTURA ED AL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI COMUNALI

Il Comune di Ussita, in applicazione alle misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica Covid-19, dopo il ricorso alla turnazione del personale ha deciso di attivare, per tutto il periodo dell’emergenza Coronavirus, anche lo smart-working per i dipendenti.

Il provvedimento si è reso necessario, così come per altri enti pubblici, al fine di ridurre al minimo la presenza fisica dei lavoratori negli uffici. Saranno comunque garantite tutte le attività indifferibili e funzionali alla gestione dell’emergenza stessa. Rientrano tra queste ultime quelle svolte dall’ufficio Anagrafe e dai servizi cimiteriali, relativamente alla tumulazione, dalla Polizia Locale, dall’ufficio protocollo, dall’ufficio stipendi, dall’ufficio manutenzioni, che garantirà la reperibilità, e dai Servizi Sociali esclusivamente per la verifica dei provvedimenti Asur e del Tribunale per i Minorenni.

L’Amministrazione comunale ricorda che i cittadini possono richiedere le certificazioni online. È possibile inviare richieste di certificati agli indirizzi mail info@comune.ussita.mc.it o PEC ussita@pec.comune.ussita.mc.it

SI INVITANO GLI UTENTI, VISTA L’EMERGENZA SANITARIA IN ATTO, A NON RECARSI NEGLI UFFICI COMUNALI, cercando di risolvere le problematiche attraverso semplici telefonate o scambio di corrispondenza, ai seguenti recapiti: Anagrafe e protocollo tel. 0737971211 – Polizia Locale 0737971212 – Ufficio tecnico e manutenzione 3351816085 – 3351816084 – Ufficio tecnico e Ricostruzione 3351480007 – Ufficio ragioneria e tributi: 3204316908 – Ufficio Affari Generali e Segreteria 0737971206 – Servizio Elettrico 0737971214-971215 

Ussita, 25.03.2020

Il Commissario Straordinario

F.to Dott. Giuseppe Fraticelli

Contenuto inserito il 25/03/2020

Informazioni

Nome della tabella
Ufficio

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità